Usarci Catania

  News

  Cos'è l'USARCI

  USARCI Catania

  Servizi

  Convenzioni

  Download

  Iscrizione

  Perchè iscriversi

  Contatti


 
 

 
 

 
Regione Sicilia

Provincia di Catania

Regione Sicilia
 
Usarci Catania CALCOLO PENSIONISTICO - ENASARCO
CALCOLO PENSIONISTICO
enasarco

CALCOLO PENSIONISTICO

L`agente di commercio tramite il sito Enasarco, può simulare la propria pensione di vecchiaia non certificata seguendo il nuovo programma di calcolo presente sul sito della fondazione che permette di conoscere la futura pensione dell`agente sulla base dei versamenti effettuati ma anche sugli anni di contribuzione ancora da maturare.

Infatti entrando nel sito sulla pagina dell`agente, alla voce calcolo previsionale, troviamo una schermata, dove in grigio è rappresentato l`anno utile dell`ultimo versamento, mentre in arancione sono evidenziati i contributi mancanti al raggiungimento dell`età pensionabile, ovviamente per gli anni in arancione, trattandosi di previsione, si tiene conto dei versamenti effettuati nell`ultimo anno contabilizzato (grigio).

E` pertanto ovvio che il calcolo previsionale non è assolutamente certificativo ma esclusivamente indicativo, in quanto sono tante le varianti presenti che fanno cambiare l`entità della pensione, pertanto il calcolo effettivo può essere fatto solo quando vi è la certezza di tutti i dati. Ovvero al momento della domanda ed in alcuni casi anche dopo, e ciò a causa di errori nei versamenti fatti dalle aziende, in più o in meno, di ritardi o di fallimenti.

In merito vogliamo ricordare quanto sia complesso il calcolo della pensione Enasarco rispetto a quella degli altri enti considerato che i sistemi di calcolo sono ben tre, quota A - quota B - quota C.

Quota A; è rappresentato dal più vecchio sistema di calcolo, viene applicato a tutti quegli agenti che hanno iniziato a versare prima del 1998 e, generalmente, per il suo calcolo tiene conto del miglior triennio consecutivo dell`ultimo decennio. La quota A è quella soggetta a maggior variazione, una simulazione fatta tre anni fa, confrontata con una simulazione effettuata oggi, potrebbe comportare una variazione significativa sia in più sia in meno anche di svariate centinaia di euro. Questo perché, con i regolamenti succedutisi dal 2004 al 2013 ed a causa della riforma “Fornero”, riforma che ha innalzato la sostenibilità degli enti previdenziali da 30 a 50 anni, ed anche al fine di evitare grosse speculazioni, si è stabilito di porre delle limitazioni al montante provvigionale e considerare solo il massimale (se pari o superiori) del 2008 pari ad € 15.810,00 per i plurimandatari e per singola mandante, mentre per i monomandatari il massimale sarà di € 27.677,00 sempre se i contributi versati sono pari o superiori a detto massimale, se inferiori si prenderà in esame la minor somma. Per la quota A si calcola l`anzianità contributiva per gli anni coperti che vanno dall`inizio del rapporto fino al 1998 data della prima variazione del calcolo della pensione. Occorre inoltre tener presente che per il calcolo del miglior triennio consecutivo dell`ultimo decennio, valgono anche gli anni di mancanza di versamento, ovvero se nell`ultimo decennio non vi sono anni con versamenti contributivi, questi vengono considerati come se attivi.

Quota B: è rappresentata dalla ulteriore quota di pensione, che tiene conto dei versamenti effettuati nell`ultimo quindicennio. La quota B è stata istituita nell`ottobre 1998 e fino al 2004, pertanto, l`anzianità contributiva relativa alla quota B è pari a 5,25 anni (cinque anni ed un trimestre). Per il calcolo della quota B si prendono in esame le provvigioni utili per il calcolo degli ultimi 15 anni di versamento, questo importo viene rielaborato moltiplicando dei massimali prestabiliti per una percentuale di rivalutazione.

Quota C: è il sistema di calcolo più nuovo, entrato in vigore nel 2005, e possiamo dire il più semplice da calcolare in quanto tiene conto esclusivamente dei versamenti effettuati dal 2004 fino alla fine del rapporto secondo il sistema contributivo. La quota C è quella calcolata esclusivamente con il metodo contributivo. Entra in vigore nel 2004 e viene calcolata sui contributi utili, versati appunto dal 2004 fino al momento del pensionamento o alla cessazione di ogni attività. I contributi utili, vengono annualmente rivalutati secondo quanto stabilito dal regolamento Enasarco e moltiplicati per il coefficiente di trasformazione (v. regolamento Enasarco) corrispondente all`età del pensionato, il risultato diviso per 13 ci fornisce la pensione lorda mensile.
Fonte Usarci Marche

Aggiungi un commento
Commenti
Commento di : Rossi Doriano

Ma la quota A e B si rivaluta o rimane la cifra effettivamente versata ?
Data : 28/02/2021 19:22:46

Commento di : Rossi Doriano

Ma quota A e La quota B si rivalutano o rimangono le cifre effettivamente versate?
Data : 28/02/2021 19:20:51

 

 
Iscriviti Perchè iscriversi?
 

Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti dal nostro sito.
 

Aggiornamenti
ORARIO DI RICEVIMENTO
LA NOSTRA SEDE E` APERTA AL PUBBLICO IL
LUNEDI -MARTEDÌ- MERCOLEDÌ - GIOVEDÌ - VENERDI`
DALLE 09,30 ALLE 12,30
PER RAZIONALIZZARE I TEMPI, GLI INCONTRI SI EFFETTUERANNO, SOLO SU APPUNTAMENTO, CHIAMANDO ALLO 095/7647583

USARCI CATANIA

CONSULENZA FISCALE TRIBUTARIA AMMINISTRATIVA
PERSONE FISICHE:
Contabilità Semplificata € 50,00
PERSONE FISICHE:
Contabilità Ordinaria € 80,00
SOCIETA` DI PERSONE SAS-SNC
Contabilità Semplificata € 80,00
SOCIETA` DI PERSONE SAS-SNC
Contabilità .Ordinaria € 100,00
SOCIETA` DI CAPITALE SRL € 180,00
I prezzi sono riferiti per mese al netto dell`Iva
USARCI CATANIA

 

Link
Usarcicentroconvenzione fiat
Fineco
 

Loading
©2011 - 2022 Usarci Catania via Madonna dell'Aiuto, 17/C - 95024 Acireale (Ct) - Tel: 0957647583  Disclaimer